FaiDaCasa.com

Banner

Il tuo carrello

Il carrello è vuoto.



Plexiglass

E-mail Stampa PDF

Il Plexiglass, il cui nome tecnico è polimetilmetacrilato (in forma abbreviata PMMA) è una materia plastica formata da polimeri del metacrilato di metile, estere dell'acido metacrilico. Chimicamente, è il polimero del metacrilato di metile.

Nel linguaggio comune il termine metacrilato si riferisce generalmente a questo polimero.


Il Plexiglass o polimetilmetacrilato è noto anche con i nomi commerciali di Acrivill, Deglas, Limacryl, Lucite, Oroglas, Perclax, Perspex, Resartglass, Vitroflex, Trespex e Setacryl.

PMMA struttura.PNG


plexiglass

 

Questo materiale fu sviluppato nel 1928 in vari laboratori e immesso sul mercato nel 1933 dall'industria chimica tedesca Röhm.

Di norma è molto trasparente, più del vetro, al punto che possiede caratteristiche di comportamento assimilabili alla fibra ottica per qualità di trasparenza, e con la proprietà di essere più o meno in percentuali diverse, infrangibile a seconda della sua "mescola". Per queste caratteristiche è usato nella fabbricazione di vetri di sicurezza e articoli similari, nei presidi antinfortunistici, nell'oggettistica d'arredamento o architettonica in genere.

 

UTILIZZI DEL PLEXIGLASS

- fanali posteriori delle automobili,
Plexiglass- barriere di protezione negli stadi,
- grandi finestre degli acquari,
- tetto delle pensiline,
- realizzazione di vasche da bagno e piatti doccia,
- produzione di laserdisc ed occasionalmente produzione di DVD,

- lenti intraoculari per la cura della cataratta. ( grazie alla biocompatibilità con i tessuti umani),
- lenti a contatto,
- in ortopedia il plexiglass è usato come "cemento" per fissare impianti, per rimodellare parti di osso perdute o "riparare" vertebre fratturate,
- in chirurgia estetica, iniezioni di microsfere di PMMA sotto pelle vengono usate per ridurre rughe e cicatrici,
- industria microelettronica nei processi di litografia elettronica (poichè è sensibile alla corrente che lo attraversa),
- realizzazione di fibre ottiche.

Il Plexiglass (PMMA) è spesso usato in alternativa al vetro. Alcune delle differenze tra i due materiali sono le seguenti:

  • - densità di 1,19 g/cm3, circa la metà di quella del vetro;
  • - le lastre possono essere prodotte per estrusione (sigla XT) o per colatura (sigla GS);
  • - ha un punto di rottura superiore al vetro ed inferiore al policarbonato;
  • - è più tenero e sensibile ai graffi e alle abrasioni; a questo generalmente si ovvia con un opportuno rivestimento;
  • - può essere modellato per riscaldamento (termoformatura) a temperature relativamente basse (ha temperatura di transizione vetrosa pari a 110 °C circa);
  • - è più trasparente del vetro alla luce visibile;
  • - a differenza del vetro, esistono alcune formulazioni che non fermano la luce ultravioletta (plexiglas GUV-T[1]);
  • - è trasparente alla luce infrarossa fino a 2800 nm, mentre la luce di lunghezze d'onda maggiore viene sostanzialmente bloccata; esistono specifiche formulazioni di PMMA atte a bloccare la luce visibile e a lasciar passare la luce infrarossa di un dato intervallo di frequenze (usate, ad esempio, nei telecomandi e nei sensori rivelatori di fonti di calore).



Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare(C5O2H8)n (monomero)
Massa molecolare (u)100,117 (monomero)
Numero CAS[9011-14-7]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)1.19

PROPRIETA'

Pezzi di plexiglass possono essere saldati a freddo usando adesivi a base di cianoacrilati oppure sciogliendone gli strati superficiali con un opportuno solvente-diclorometano o cloroformio. La giuntura che si crea è quasi invisibile. Gli spigoli vivi del PMMA possono inoltre essere facilmente lucidati e resi trasparenti. Tuttavia gli incollaggi professionali vengono effettuati con colle a polimerizzazione da due a cinque componenti; la differenza di qualità con queste colle unita alla tossicità/carcenogenicità della maggior parte dei solventi di fatto va soppiantando le colle monocomponenti.

Il PMMA brucia in presenza di aria a temperature superiori a 460 °C; la sua combustione completa produce anidride carbonica e acqua.


 

Iscriviti alla Newsletter

Nuovi FeedBack Cliente

Paolo Alborghetti riporta:
Buongiorno, allora le tapparelle sono arrivate perfette come sempre e con spedizione nei tempi previsti l'unica cosa, direi non da poco, é che la merce è stata spedita completamente ad un altro indirizzo, per mia fortuna nello sbaglio è arrivata ad un amico altrimenti non so come sarebbe andata. Sbaglio non da sottovalutare.

Anna Donati riporta:
Tutto al meglio! Il prodotto elettronico acquistato (ricevitore radio per la manovra a distanza di tapparelle) è di alta qualità e ben realizzato. Unico neo il foglio di istruzioni accluso nella confezione al limite della leggibilità per uno che ha la vista buona (per lo meno da vicino) ed esclusivamente in Inglese che per mia fortuna parlo fluentemente.

Romano Parrotta riporta:
Il materiale isolante è arrivato in buone condizioni ed è stato felicemente montato. Il flacone di schiuma poliuretanica da 750 ml. è arrivato con il cappuccio schiacciato e la bombola aveva perso pressione ed è durata poco. Il prezzo dei pannelli comunque mi è sembrato un po caro. Nel complesso sono soddisfatto. Cordiali saluti Romano Parrotta

Accesso Utente



Payment

Diventa Fan di FaiDaCasa

Seguici su YouTube


111